Vera Risi
2 minuti

Virtuosismi, morbide seduzioni e psichedelie

Almeno due sono le certezze artistiche di Roma: l’architettura e l’opera lirica. Un connubio che si concretizza nella Chiesa di San Paolo dentro le Mura, quando è di scena l’opera, sotto le arcate romanico-neogotiche in travertino e mattoni rossi senesi che caratterizzano la chiesa. Fu il primo luogo di culto anglicano costruito a Roma dopo l’Unità d’Italia, e vanta l’unico ciclo decorativo preraffaellita del territorio italiano, con vetrate policrome e mosaici creati dai più raffinati esponenti di quell’arte inglese del diciannovesimo secolo che fu preludio allo stile liberty del primo novecento.

Qui, martedì 12, e i successivi martedì di febbraio, si esibisce l’Orchestra de I Virtuosi dell’Opera di Roma, diretta dal maestro Adriano Melchiorre. In scena La Traviata, opera verdiana tra le più amate, con costumi e scenografia che ne esaltano il fascino. Un’imperdibile immersione nell’avvolgente equilibrio decorativo della chiesa accompagnati dai virtuosismi del bel canto italiano.

Sempre martedì 12 è il jazz a sedurci con il trombone di Robin Eubanks insieme alla formazione Arcadia Trio alla Casa del Jazz. Parliamo di uno dei più grandi trombonisti del jazz contemporaneo, il primo della sua generazione, un talento che sia come sideman, al fianco di artisti come Dave Holland ed Elvin Jones, sia da solista, è capace di scatenare cortocircuiti sonori che accendono scintille emotive. Stavolta è in scena con Arcadia Trio, giovane formazione guidata dal sassofonista Leonardo Radicchi. Un progetto musicale che carica di significato politico il suo sound, esplorando temi come l’immigrazione e le guerre. Per dimostrare che il jazz può far riflettere proprio come la più alta poesia.

Infine una dritta per chi ama atmosfere e sonorità più inquietanti. Ha aperto da soli tre mesi, nel cuore del Pigneto, ed è già un cult per chi cerca vie alternative. E’ il Klang, locale dai colori dark e le atmosfere nordeuropee che si prefigge di scardinare i vecchi schemi dei club musicali proponendo esperienze innovative. Come Sudoku Killer, concerto della compositrice Caterina Palazzi in programma sabato 16 febbraio. Per darvi un’idea: immaginate i personaggi più cattivi dei cartoon della Disney interpretati in chiave psichedelica e cupa da un contrabbasso, in una formazione che vede anche batteria, sax tenore e chitarra. Un sound sperimentale dall’animo smanioso, che oscilla tra acidità spigolose e seducenti morbidezze.

Martedi 12 febbraio
La Traviata – Chiesa San Paolo dentro le mura, via Napoli 58, Roma. Tel. 064826296
Robin Eubanks e Arcadia Trio – La Casa del Jazz, Viale di Porta Ardeatina 55, Roma Tel. 06 80241281
Sabato 16 febbraio
Sudoku Killer – Klang, via Stefano Colonna 9, Roma. Tel. 06 43689987.

 

Vera Risi

La laurea in Scienze Politiche con 110 e lode le apre le porte per un Master in Marketing del terziario avanzato presso Unioncamere. Intanto scrive di musica, arte, tendenze e fermenti culturali sulle più prestigiose testate nazionali: D di Repubblica, Glamour, Cosmopolitan, Fit For Fun, Kult, Il Fatto Quotidiano, l'Unità, e la rivista internazionale Time Out. Diventa poi direttore esecutivo del web magazine Bazar, co-edito da La Stampa e Rai Eri. Per l'Università Lumsa è cultore della materia in Strumenti e Strategia della Comunicazione d'Impresa e responsabile dello Student Placement per il Master in Marketing e Organizzazione degli Eventi. Docente a contratto per la cattedra di Teorie e Tecniche del linguaggio giornalistico presso la Luiss, scrive tre saggi sulla comunicazione (Audino Editore e da Rai Eri). E' autrice di un romanzo arrivato finalista al premio letterario Città di Assisi 2013 mentre, per amore dell'arte e della natura, diventa guida turistica e costruisce percorsi inconsueti dei boschi del Lazio e trekking all'insegna dell'esplorazione e dello storytelling.

 

Condividi questo articolo