Eugenia Romanelli
2 minuti

Villa Ada Incontra il Mondo: nel cuore del secondo parco di Roma un’orgia di musica

Dal 18 giugno al 5 agosto, a Villa Ada, secondo parco della città, ogni sera alle 21.30, proprio in riva ad un laghetto fresco e romantico, via a concerti live da mozzare il fiato in quella che è considerata all’unanimità una delle manifestazioni musicali più interessanti della penisola.

Siamo alla – udite udite – 26esima edizione di un festival, Villa Ada Incontra il Mondo, che non ha eguali in Italia per la capacità di mixare generi, integrare visioni e stili musicali, unire mondi altrimenti divisi, includere, prestare ascolto (non solo canoro), connettere. Netta la mission: dare ascolto a ogni voce, e si vede dalla programmazione.

Grandi nomi internazionali accanto ad emergenti italiani, oppure i più accreditati artisti italiani con artisti di altre nazionalità, meno noti. Un festival capace di raccontare in modo virtuoso la frammentazione di questo tempo. Del resto il claim parla chiaro: «Nulla si sa, tutto s’immagina», un omaggio incrociato a Fellini e a Pessoa.

E allora, rimboccatevi le mani e preparatevi a questi 49 giorni no-stop di musica nella natura e natura nella musica, pronti a farvi soggiogare dalle performance di artisti spregiudicati, dissacranti, sofisticati, docili, anticonformisti o dolcissimi, ma anche a farvi coinvolgere in  appuntamenti culturali, sociali, ambientali, gastronomici, fino alle attività per i bambini e per il benessere.

Qualche esempio per assaggiare l’acquilina in bocca? Martedì 18 giugno apre la kermesse il gruppo musicale roots reggae statunitense capitanato da Harrison Stafford, i Groundation, giovedì 20 giugno, in occasione della Giornata internazionale del migrante e del rifugiato – #Withrefugees Live, arriva una leggenda della musica italiana, Nada, accompagnata dall’Orchestra dei bracciantiIl 26 giugno è da segnare: in scena una delle voci più importanti del nuovo cantautorato italiano, Giovanni Truppi, e a seguire i Modena City Ramblers (27 giugo)

Su luglio segnaliamo in particolare uno dei cantautori più controversi della musica italiana, Giovanni Lindo Ferretti, seguito dai ritmi sperimentali deli Zu e da quelli afro-beat degli I hate my village (2 luglio). Dal deserto del Mali arrivano gli ipnotici Tinariwen (3 luglio). Attesissimi i Nouvelle Vague (15 luglio), la band francese che ha conquistato il mondo con cover in chiave bossa nova di classici del punk e della new wave.

Spazio alle donne invece il 16 luglio, con Monica Guerritore che recita Alda MeriniLatte e i suoi derivati, invece, il 29 luglio, e il 30 la carica di Neapoletan-funky di James Senese Napoli Centrale. Ad agosto, invece, non perdetevi il reggae degli Easy Star All-stars. 

Divertente anche cenare lì: l’Osteria della Villa e i presidi di street food propongono prodotti rigorosamente biologici certificati, provenienti dalle migliori aziende artigianali nazionali.

Info qui.

 

Eugenia Romanelli

Segno zodiacale Pesci, vino preferito Ronco delle Mele, vive a Roma. Irriverente, eccentrica, informale, si ispira al maître à penser Anais Nin. Buddista Nichiren, la sua gioia è l’allenamento costante nell’arte di vivere, e la sua palestra privata sono la sua famiglia e le relazioni multiple e complesse che accendono le sue giornate. Dopo aver diretto la versione italiana della rivista internazionale Time Out, fondato e diretto il magazine Bazarweb.info coedito da Rai Eri e La Stampa, fondato e diretto il primo inserto culturale de Il Fatto Quotidiano "SmarTime", creato il canale Ansa Viaggi, attualmente scrive per Vanity Fair, è blogger per L'Espresso e Il Fatto Quotidiano, ed è autore Treccani. Tra le docenze, a Roma ha insegnato giornalismo, scrittura creativa e new media a La Sapienza, all’Accademia d'Arte Dramatica Silvio D'Amico e alla Luiss Guido carli, fondando il Master in “Nuovi giornalismi e blogging” al Centro Sperimentale di Fotografia Ansel Adams; a Firenze ha insegnato business writing alla Scuola di Scienze Aziendali di Firenze e all'Università di Firenze ha direttore del laboratorio “Advanced Communication” (progetto Nemech); per l’Ordine dei Giornalisti organizza corsi di aggiornalemnto sul tema della privacy. Come Amministratore Unico dell'agenzia di comunicazione ACT!, premiata nel 2005 dalla Regione Lazio come "Migliore impresa creativa", ha vinto il premio DONNAèWEB del Premio Web Italia patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per l'innovazione e le tecnologie per aver creato il miglior sito dell'anno, per l’ideazione del primo Cultural Brand italiano e per avere fondato la prima galleria d'arte contemporanea digitale italiana. Tra le sue pubblicazioni, saggi e romanzi con Giunti, Rizzoli, DeA, Rai Eri, etc. Nel team TGH è entrata grazie alla passione per i viaggi: anche per lei viaggiare è la forma più profonda di conoscenza della vita e la via più diretta al contatto autentico con le proprie emozioni. Creatrice del TGH Pink Shot, il suo obiettivo segreto è alzare la temperatura emotiva di tutto il progetto.

 

Condividi questo articolo