Valentina Cuppone
2 minuti

Romics 2019: tra fantascienza, fantasy e supereroi

Dal 4 al 7 aprile. Quattro intensi giorni per immergersi in mondi futuribili, in compagnia di supereroi e personaggi straordinari. Dove? Alla Fiera di Roma. L’occasione? La XXV edizione di Romics, Festival internazionale del fumetto, animazione, cinema e games. Un appuntamento che la capitale italiana ospita due volte l’anno e che richiama migliaia di visitatori. Un’opportunità per conoscere da vicino le tecniche, le storie e i successi di grandi autori della nona arte e per vedere il più vicino possibile gli scenari distopici di un futuro poi non così troppo lontano.

Il 2019 è in qualche modo un anno simbolo. È l’anno in cui vengono creati i replicanti più umani degli umani nella Los Angeles soffocata dall’inquinamento in Blade Runner di Ridley Scott. È il cinquantesimo anniversario dell’ambizioso sbarco sulla Luna. È l’ottantesimo compleanno di Batman, il cavaliere oscuro iper tecnologico più famoso del mondo. Un’epoca, la nostra, che ha fatto della tecnologia una star indiscussa, rendendo possibili immaginari prima solo immaginati. Come dichiara Sabrina Perucca, direttore artistico della manifestazione, Romics 2019 sarà “un unico grande spettacolo per portarci nei meandri della fantasia e nelle possibilità del nostro prossimo futuro”.

Omaggio alla carriera, Romics d’Oro a grandi maestri internazionali del fumetto e dell’illustrazione, del cinema e dell’animazione, che si racconteranno sul palco del Festival. Dalla special guest star Reki Kawahara, scrittore giapponese di light novel e manga, ad Alessandro Bilotta, story editor, sceneggiatore e soggettista di famosi racconti tra cui quelli del misterioso e affascinante detective Dylan Dog. Dalle visioni fantascientifiche alla Matrix: Reloaded di George Hull con le sue astronavi, robot e paesaggi del futuro, a Ryan Ottley, uno dei più importanti disegnatori del fumetto statunitense contemporaneo. Altro Romics d’Oro sarà Willem Dafoe, personaggio eclettico del cinema mondiale vicino al mondo di Romics per i suoi superomistici Spider-man e Aquaman.

Nato il 30 marzo 1939, Batman sarà il grande protagonista di quest’anno. Il primo step dei festeggiamenti per il suo ottantesimo compleanno sarà proprio il Romics. Al Movie Village, padiglione dedicato al cinema, verrà allestita una mostra con brandelli della vita del supereroe, tavole realizzate da diversi artisti italiani e internazionali che raccontano la storia del cavaliere oscuro. Istallazioni, contenuti trasmediali e ogni altra sorta di iniziativa per rendere omaggio all’uomo pipistrello e alle sue avventure.

Tante saranno le iniziative che arricchiranno la proposta della Fiera dei fumetti romana. Dall’omaggio a Cesare Zavattini, autore nel 1936 del primo fumetto di fantascienza italiano, alle riflessioni sul futuro e le sue trame, dagli incontri con scrittori cult alle mostre e ai videogiochi immersivi e coinvolgenti, Romics ci farà scoprire fantasie e scenari futuribili. Tra supereroi, androidi, robot e macchine volanti, ci troveremo davanti un immaginario a tratti straniante, perché forse questo futuro immaginato potrebbe poi non essere così tanto surreale.

Per info consulta il sito ufficiale dell’evento e il programma completo.

Foto dal sito.

 

Valentina Cuppone

Classe 1982, dopo una laurea in Lettere Moderne si è specializzata in Comunicazione della cultura e dello spettacolo con una tesi sull’ibridazione dei linguaggi e sull’intermedialità nello spettacolo MDLSX di Motus, un assolo di Silvia Calderoni, ispirato al premio Pulitzer 2013 Middlesex di Jeffrey Eugenides, sulla costruzione dell’identità. Ha lavorato come supporto al segretario di redazione del “Giornale di Sicilia” scrivendo articoli per il ciclo “Eccellenze di Sicilia”, mirando a valorizzare ciò che di bello e positivo offre e si può costruire nella sua isola. Per coniugare i suoi interessi umanistici con i linguaggi e l’innovazione digitale, ha collaborazione con il quotidiano online ildigitale.it.

 

Condividi questo articolo