Eugenia Romanelli
3 minuti

Queen: da domani a Roma uno spettacolo che vi farà rifiatare. Con una regia al femminile

We will rock u, The Musical by Queen and Ben Elton è in arrivo, domani, martedi 28 gennaio, a Roma. Parliamo di un musical da far tremare il sangue nelle vene, e questa volta enfasi e drama cadono a pennello. Una nuova regia (al femminile, e si vede!) e un cast rinnovato per l’emozionante intreccio di Galileo e Scaramouche, la grande storia d’amore per la musica e per la libertà che ha appassionato centinaia di platee, torna nella capitale dopo lo straordinario successo di pubblico e critica della precedente edizione, che ha registrato circa 65.000 spettatori nelle 56 repliche in tutta Italia.

E’ partita dal Teatro La Fenice di Senigallia, il 31 ottobre scorso, la stagione 2019/2020 di We Will Rock You, lo spettacolo con le hit dei Queen per la audace regia di Michaela Berlini e finalmente domani sarà la volta di Roma: dal 28 gennaio al 2 febbraio, al Teatro Brancaccio, due ore e mezza di musica ci ricorderanno il potere salvifico del Rock and Roll, della condivisione e del diritto di poter esprimere se stessi.

Il grande successo di We Will Rock You è il frutto di una nuovissima produzione, messa in scena nel 2018 da un nuovo cast e concepita appositamente per il nostro Paese da Claudio Trotta per Barley Arts e di una attenta rivisitazione e implementazione del testo originale, tradotto da Raffaella Rolla, a cura della Regista Michaela Berlini, di Valentina Ferrari e del Produttore Claudio Trotta. Il produttore esecutivo è Cristina Trotta: “Una nuova regia che ancora di più esalta la forza aggregante del rock e la Bellezza della condivisione. Solo insieme si può cambiare il mondo. Una nuova coppia di protagonisti ingenuamente salvatori del Pianeta Terra, coreografie, scenografie ed ensemble rinnovati: questo è ciò che accoglierà il pubblico da oggi”.

Per questa nuova stagione del musical, il cast, composto da talentuosi cantanti-attori, ha due nuovi protagonisti: Scaramouche sarà Martha Rossi che nel 2009, in occasione della prima edizione italiana di We Will Rock You, venne scelta e voluta per questo ruolo da Brian May in persona. Galileo avrà invece il volto e la voce di Luca Marconi, performer a tutto tondo, cantante, songwriter, musicista e attore. Ma si confermano geni del palco anche la “Stella Luminosa” di Valentina Ferrari nel ruolo di Killer Queen con un nuovo look più cattivo e dominante, e Paolo Barillari sempre più “crudele” nel ruolo del comandante Kashoggi. Come del resto Claudio Zanelli, poliedrico nei panni di Brit e dell’insegnante, o la fenomenale Loredana Fadda nelle vesti di Oz, fino al “saggio” Massimiliano Colonna interprete di Pop.

Gail Richardson, autrice delle coreografie, ha implementato e modificato alcune scene creando una nuova “A Kind of Magic”, mentre la scenografia di Colin Mayes è stata arricchita di alcuni nuovi oggetti scenici. Nunzia Aceto ha ri-disegnato i costumi e Maurizio Roveroni ha truccato tutto il cast. Insomma, da rivedere e rivedere e rivedere.

Partner ufficiale della nuova stagione di We Will Rock You è Save the Children, dato che lo spettacolo sostiene la campagna “Illuminiamo il futuro” lanciata da Save the Children per contrastare la povertà educativa che colpisce i bambini e i ragazzi nel nostro Paese, anche attraverso una rete di 24 Punti Luce in tutta Italia per garantire ai minori una vasta gamma di attività educative gratuite. Durante tutte le tappe dello spettacolo saranno inoltre presenti i dialogatori dell’Organizzazione per sensibilizzare sul tema i partecipanti e fornire loro utili informazioni sull’intervento di Save the Children.

Info: www.wewillrockyou-themusical.it

 

Eugenia Romanelli

Segno zodiacale Pesci, vino preferito Ronco delle Mele, vive a Roma. Irriverente, eccentrica, informale, si ispira al maître à penser Anais Nin. Buddista Nichiren, la sua gioia è l’allenamento costante nell’arte di vivere, e la sua palestra privata sono la sua famiglia e le relazioni multiple e complesse che accendono le sue giornate. Dopo aver diretto la versione italiana della rivista internazionale Time Out, fondato e diretto il magazine Bazarweb.info coedito da Rai Eri e La Stampa, fondato e diretto il primo inserto culturale de Il Fatto Quotidiano "SmarTime", creato il canale Ansa Viaggi, attualmente scrive per Vanity Fair, è blogger per L'Espresso e Il Fatto Quotidiano, ed è autore Treccani. Tra le docenze, a Roma ha insegnato giornalismo, scrittura creativa e new media a La Sapienza, all’Accademia d'Arte Dramatica Silvio D'Amico e alla Luiss Guido carli, fondando il Master in “Nuovi giornalismi e blogging” al Centro Sperimentale di Fotografia Ansel Adams; a Firenze ha insegnato business writing alla Scuola di Scienze Aziendali di Firenze e all'Università di Firenze ha direttore del laboratorio “Advanced Communication” (progetto Nemech); per l’Ordine dei Giornalisti organizza corsi di aggiornalemnto sul tema della privacy. Come Amministratore Unico dell'agenzia di comunicazione ACT!, premiata nel 2005 dalla Regione Lazio come "Migliore impresa creativa", ha vinto il premio DONNAèWEB del Premio Web Italia patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per l'innovazione e le tecnologie per aver creato il miglior sito dell'anno, per l’ideazione del primo Cultural Brand italiano e per avere fondato la prima galleria d'arte contemporanea digitale italiana. Tra le sue pubblicazioni, saggi e romanzi con Giunti, Rizzoli, DeA, Rai Eri, etc. Nel team TGH è entrata grazie alla passione per i viaggi: anche per lei viaggiare è la forma più profonda di conoscenza della vita e la via più diretta al contatto autentico con le proprie emozioni. Creatrice del TGH Pink Shot, il suo obiettivo segreto è alzare la temperatura emotiva di tutto il progetto.

 

Condividi questo articolo