Eugenia Romanelli
2 minuti

Kick-off, il nuovo spettacolo (sexy) che unisce attori con e senza disabilità

Il 6 aprile, al Centrale Preneste, va in scena uno spettacolo che – è una promessa – vi lascerà a bocca aperta. Si chiama Kick-off, ed è l’ultimo lavoro di Teatro Buffo, la compagnia di teatro-danza integrata che unisce attori e danzatori con e senza disabilità, guidata dall’Associazione culturale Anticorpi, che lavora stabilmente a Roma dal 2007.

Il tema, di nuovo, è la sessualità: “Lo spettacolo nasce dal progetto Si mangia con le mani – appunti sulla sessualità, a cui abbiamo riservato una campagna di raccolta fondi“, spiega Suzana Zlatkovic, presidente del’Associazione Anticorpi che gestisce il progetto Teatro Buffocome risposta alle esigenze di integrazione, socializzazione e divertimento al di fuori dello spazio domestico delle due Case Famiglie dove vivono gli attori disabili a breve di nuovo in scena.

Lo spettacolo arriva dopo mesi di lavoro intenso su un tema delicato e forte come quello della sessualità, che inevitabilmente in una compagnia di teatro-danza integrata si lega a quello della disabilità: una sessualità naturale, piacevole, libera e al tempo stesso negata, distorta e oscena. Il progetto nasce dal desiderio di raccontare una sessualità che non si limiti al semplice atto sessuale, ma che si accompagni al tema della relazione con l’altro e ancora prima con se stessi: indaga il desiderio, la pulsione, il piacere, la sofferenza, la negazione e l’intimità generati dall’incontro e dalla scoperta del proprio corpo e di quello altrui”, continua Zlatkovic.

“La scelta che facciamo – spiega la regista e coreografa Teresa Farella – è di mostrare corpi e incontri lontani dall’abitudine del quotidiano. Ci piace presentarci così, con la naturale oscenità e irriverenza sensuale dei corpi che ci appartengono e che muoviamo a passo di danza”. Uno spettacolo lirico e intenso, senza parole o quasi, dove gli sguardi, i corpi, i movimenti non convenzionali, la musica, i gesti, la scenografia contribuiscono a creare una atmosfera molto suggestiva, capace di svelare parti nascoste dello spettatore.

Kick off suona urgente, e ricorda al mondo di non chiudere e nascondere le anime e i corpi dentro luoghi sicuri e protetti ma di mostrare e cercare dentro le pieghe e le imperfezioni ciò che c’è di poetico e di universale. Solo così si potrà essere capaci di dare un senso e un significato alla sessualità e all’esistenza stessa. E allora tutti pronti: il match ha inizio!

Info e prenotazioni: info@anticorpi-online.it Facebook: Teatro Buffo. Cell. 320.9347656

 

Eugenia Romanelli

Segno zodiacale Pesci, vino preferito Ronco delle Mele, vive a Roma. Irriverente, eccentrica, informale, si ispira al maître à penser Anais Nin. Buddista Nichiren, la sua gioia è l’allenamento costante nell’arte di vivere, e la sua palestra privata sono la sua famiglia e le relazioni multiple e complesse che accendono le sue giornate. Dopo aver diretto la versione italiana della rivista internazionale Time Out, fondato e diretto il magazine Bazarweb.info coedito da Rai Eri e La Stampa, fondato e diretto il primo inserto culturale de Il Fatto Quotidiano "SmarTime", creato il canale Ansa Viaggi, attualmente scrive per Vanity Fair, è blogger per L'Espresso e Il Fatto Quotidiano, ed è autore Treccani. Tra le docenze, a Roma ha insegnato giornalismo, scrittura creativa e new media a La Sapienza, all’Accademia d'Arte Dramatica Silvio D'Amico e alla Luiss Guido carli, fondando il Master in “Nuovi giornalismi e blogging” al Centro Sperimentale di Fotografia Ansel Adams; a Firenze ha insegnato business writing alla Scuola di Scienze Aziendali di Firenze e all'Università di Firenze ha direttore del laboratorio “Advanced Communication” (progetto Nemech); per l’Ordine dei Giornalisti organizza corsi di aggiornalemnto sul tema della privacy. Come Amministratore Unico dell'agenzia di comunicazione ACT!, premiata nel 2005 dalla Regione Lazio come "Migliore impresa creativa", ha vinto il premio DONNAèWEB del Premio Web Italia patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per l'innovazione e le tecnologie per aver creato il miglior sito dell'anno, per l’ideazione del primo Cultural Brand italiano e per avere fondato la prima galleria d'arte contemporanea digitale italiana. Tra le sue pubblicazioni, saggi e romanzi con Giunti, Rizzoli, DeA, Rai Eri, etc. Nel team TGH è entrata grazie alla passione per i viaggi: anche per lei viaggiare è la forma più profonda di conoscenza della vita e la via più diretta al contatto autentico con le proprie emozioni. Creatrice del TGH Pink Shot, il suo obiettivo segreto è alzare la temperatura emotiva di tutto il progetto.

 

Condividi questo articolo