Ines Musumeci Greco
2 minuti

If it is untouchable it is not beautiful

Di bellezza parla If it is untouchable it is not beautiful, la collettiva inaugurata da poco dalla galleria d’arte contemporanea Monitor. Forme di bellezza tutte diverse che ci fanno vedere cinque anime attraverso la pittura. Una mostra – la prima dell’anno per la galleria – tutta al femminile, ricca di stili, simboli, prospettive e linguaggi che vuole farci vedere la bellezza sia attraverso segni condivisi che altri più intimi. Una bellezza palpabile davanti ai nostri occhi. Come l’amore.

Non stiamo parlando di perfezione o di qualcosa di rigoroso, ma di qualcosa che ci attrae così tanto che ci sposta dal “terreno”. Le artiste in mostra lo raccontano attraverso codici soggettivi, assoluti e carichi di slanci passionali: ed è nella passione che si manifesta la vita, nella sua assoluta bellezza. Così nascono le opere di Paola Angelini, essenziali nel loro essere surreali, che ci riportano indietro nel tempo sia per lo stile, sia per l’atmosfera: opere identitarie, fatte di una materia che è emozione, tatto, richiamo profondo. Il tratto di Aryan Ozmaei rimanda invece ad una nuova lingua da indagare, una nuova dimensione mentale.

Tutte le opere pittoriche in mostra si parlano tra di loro, come se stessimo osservando un alfabeto i cui caratteri, distintamente, testimoniano la propria individualità. Quella di Giuliana Rosso, ad esempio, ha ombre e qualcosa di “non chiaro”. Ogni figura è in via di formazione, è ancestrale, come le fiabe. Così sembra osservando Il giocoI metafisici. Maddalena Tesser parla di donne e di mistero: un binomio dal fascino universale che rinvia all’oblio. La sua è una bellezza fluida, labile, che scorre e sfugge, che non si vuole fare afferrare mentre si manifesta, come in Risveglio. Opere grandi e che s’impongono, quelle di Alice Visentin,  piene di tono e di toni: i colori esplodono e tutto sembra perdere ordine, velati da una malinconia che cade a mantello su tutti i dettagli. 

La bellezza è tormento, muta con il tempo, nell’immaginario collettivo e dentro ognuno di noi. Non possiamo immaginarla nel futuro. If it is untouchable it is not beautiful racconta cinque idee di bellezza, cinque scenari mentali femminili assoluti e singolari. Cinque modi di ripensarla.  Perché la bellezza è amore.

If it is untouchable it is not beautiful, 14 febbraio – 30 marzo 2019, presso la Galleria Monitor.

Artisti in mostra: Paola Angelini, Aryan Ozmaei, Giuliana Rosso, Maddalena Tesser, Alice Visentin.

 

Ines Musumeci Greco

Collezionista d’arte contemporanea, mecenate, ma soprattutto visionaria. Una donna che, in vent’anni, ha saputo trasformare la sua casa nel più importante salotto d’artista italiano. Con la passione e la determinazione che solo chi ha una missione nella vita riesce a perseguire, Ines definisce il suo progetto e il suo coinvolgimento come una lunga, continua gestazione: “Ho cercato la bellezza sempre e con forza, e ho dedicato la mia vita nel sostenere il lavoro degli artisti, perché è quando le loro opere vengono al mondo e nel mondo navigano che prende corpo quella vitalità che rende potente la vita”. Nella sua home gallery, dentro il seicentesco Palazzo Bennicelli del Borromini, si possono ammirare le opere di artisti del calibro di Marina Abramovic, Mario Schifano, Alighiero Boetti, Pascale Marthine Tayou, Chen Zhen, e altri.

 

Condividi questo articolo