Eugenia Romanelli
2 minuti

FABRICA, il futuro prima di noi: all’Enoteca Letteraria il genio di Francesca Caprioli

Domenica 27 ottobre – ore 18.00: scrivetelo in stampatello sulla vostra agenda. L’Enoteca Letteraria ospita una nuova performance del format artistico Fabrica, diretto da Francesca Caprioli.

Punto primo. Siamo in una location tutt’altro che scontata: “Dicono che con la cultura non si mangi – sottolinenano all’Enoteca Letteraria – qui con la cultura di certo si beve”. Il locale è gestito da Tonino Puccica che spiega: “Qui è casa, è alta eleganza poetica, è amore per la cultura e per l’arte, è famiglia, è amicizia profonda e grande affetto”. Un luogo dove è possibile toccare libri d’epoca e incontrare artisti emergenti di grande spessore: teatro, musica, performance, cinema.

“Abbiamo voluto fortemente la nuova performance di Fabrica – spiega Puccica – perchè ogni volta Francesca Caprioli riesce a stupirci per la profondità del messaggio, l’originalità della scena, l’impatto emotivo, l’innovazione del linguaggio artistico, che riesce a dialogare in grande scioltezza con la contemporaneità, pur affondando le sue radici nel terreno morbido del passato”.

Ed eccoci al punto: “Il futuro prima di noi“, in scena solo il 27, racconta di come vedevano il futuro prima i nostri antenati di 2000, 1000, 100 anni fa. Ci chiede: cosa ci succederà domani? Si tratta di una riflessione autunnale sull’umanità e sul suo eterno concentrarsi sull’ampia durata della sua specie, sul suo continuo desiderio ed ostinata urgenza di tramandarsi per dare un senso, da qualche millennio, a tutto questo, fino a porsi di nuovo la domanda base: come saranno gli esseri umani dopo di noi?.

Fabrica, musica e letteratura riparte da qui, e apre una nuova stagione con la promessa di portare avanti la ricerca e la sperimentazione dei suoi linguaggi misti, ogni volta un goal di sala. Tra testi di classici fino a storici romanzi degli anni Ottanta del secolo scorso, tra melodie futuristiche e canzoni profetiche, il pubblico potrà immergersi nei talenti di Valentina Tramacere vocals, Bruno Corazza vocals, Emiliano Begni piano e direzione musicale, Livia Saccucci, Marco Paparella letture, e soprattutto di Francesca Caprioli, che firma una direzione artistica con coraggioso impeto creativo.

“Fabrica – spiega Caprioli – è la voglia di raccontare, attraverso costruzioni narrative diverse, tra musica e letteratura, la bellezza: la bellezza dei testi, dei grandi classici della letteratura; della musica, tutta, folk, jazz, pop, colta. È l’urgenza di dire, la necessità del ricercare la sconfinata meraviglia della parola e di quella sconosciuta forma del divino che è la musica. Fabrica è un format in cui lo sviluppo di un tema avviene fluttuante prendendo in prestito una etimologia, la radice di una parola, la suggestione di un pensiero per disegnare un percorso di musica e letteratura in costruzione”.

Info e prenotazione: info@enolibreria.it

 

 

 

 

Eugenia Romanelli

Segno zodiacale Pesci, vino preferito Ronco delle Mele, vive a Roma. Irriverente, eccentrica, informale, si ispira al maître à penser Anais Nin. Buddista Nichiren, la sua gioia è l’allenamento costante nell’arte di vivere, e la sua palestra privata sono la sua famiglia e le relazioni multiple e complesse che accendono le sue giornate. Dopo aver diretto la versione italiana della rivista internazionale Time Out, fondato e diretto il magazine Bazarweb.info coedito da Rai Eri e La Stampa, fondato e diretto il primo inserto culturale de Il Fatto Quotidiano "SmarTime", creato il canale Ansa Viaggi, attualmente scrive per Vanity Fair, è blogger per L'Espresso e Il Fatto Quotidiano, ed è autore Treccani. Tra le docenze, a Roma ha insegnato giornalismo, scrittura creativa e new media a La Sapienza, all’Accademia d'Arte Dramatica Silvio D'Amico e alla Luiss Guido carli, fondando il Master in “Nuovi giornalismi e blogging” al Centro Sperimentale di Fotografia Ansel Adams; a Firenze ha insegnato business writing alla Scuola di Scienze Aziendali di Firenze e all'Università di Firenze ha direttore del laboratorio “Advanced Communication” (progetto Nemech); per l’Ordine dei Giornalisti organizza corsi di aggiornalemnto sul tema della privacy. Come Amministratore Unico dell'agenzia di comunicazione ACT!, premiata nel 2005 dalla Regione Lazio come "Migliore impresa creativa", ha vinto il premio DONNAèWEB del Premio Web Italia patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per l'innovazione e le tecnologie per aver creato il miglior sito dell'anno, per l’ideazione del primo Cultural Brand italiano e per avere fondato la prima galleria d'arte contemporanea digitale italiana. Tra le sue pubblicazioni, saggi e romanzi con Giunti, Rizzoli, DeA, Rai Eri, etc. Nel team TGH è entrata grazie alla passione per i viaggi: anche per lei viaggiare è la forma più profonda di conoscenza della vita e la via più diretta al contatto autentico con le proprie emozioni. Creatrice del TGH Pink Shot, il suo obiettivo segreto è alzare la temperatura emotiva di tutto il progetto.

 

Condividi questo articolo