Valentina Cuppone
2 minuti

Eccezionali serate estive tra cocktail, musica e cibo al Teatro India di Roma

Sembra che quest’estate si stia davvero facendo aspettare. Chi di noi non vede l’ora di poter trascorrere qualche rilassante giornata al mare o una piacevole serata in giro per i posti più belli della città, tra buon cibo, buon cocktail, buona compagnia e bella musica, aiutati da temperature gradevoli? Nonostante la bella stagione stenti ad affacciarsi, c’è chi non si scoraggia. E così, da venerdì 24 maggio, al Teatro India ha preso il via India Estate Week, uno degli eventi più attesi dai romani. E non solo.

Sicuramente uno degli spazi più affascinanti della Capitale. Riabilitazione di luoghi abbandonati e dismessi. Opera di quel recupero urbano tanto invocato e a volte poco praticato. Centro culturale all’avanguardia, avamposto per sperimentazione, commistione di linguaggi artistici e ricerca. Rivalutazione di quell’ex complesso che avrebbe dovuto rappresentare la rinascita. Centro pulsante nel cuore post industriale romano, tra le rovine dell’ex fabbrica Mira Lanza e ai piedi dell’immenso Gazometro, il Teatro India è un luogo unico e magico dove incontrare arte, teatro, musica, letteratura, performance. E da fine maggio, e per tutti i mesi estividalle 19:00 in poi, sarà anche la location di strepitose serate capitoline.

Le aree esterne del teatro prendono vita per accoglierci e ospitarci nelle calde nottate romane. Cocktail bar, street food, concerti e dj set, urban market, art expo e zona relax. Ancora. Murales raffiguranti Pasolini e sdraio sparse in ordine casuale. Arredo minimal, pochi ed essenziali oggetti. Perché l’India ha già tutto quello che serve per rendere unici i suoi spazi e ciò che accade al loro interno. E poi, tutte le sere, i migliori dj set ad allietare i nostri sensi.

Un’atmosfera intrisa di cultura, arte e bellezza. Un mix di riflessioni, relax e divertimento in un luogo perturbante e affascinante. Per rendere le nostre serate indimenticabili e mai banali.

Teatro India, Lungotevere Vittorio Gassman, 1, Roma. Tutti i giorni estivi dalle 19:00. Per restare aggiornati sui programmi delle serate clicca qui.

Foto dal sito del teatro.

 

Valentina Cuppone

Classe 1982, dopo una laurea in Lettere Moderne si è specializzata in Comunicazione della cultura e dello spettacolo con una tesi sull’ibridazione dei linguaggi e sull’intermedialità nello spettacolo MDLSX di Motus, un assolo di Silvia Calderoni, ispirato al premio Pulitzer 2013 Middlesex di Jeffrey Eugenides, sulla costruzione dell’identità. Ha lavorato come supporto al segretario di redazione del “Giornale di Sicilia” scrivendo articoli per il ciclo “Eccellenze di Sicilia”, mirando a valorizzare ciò che di bello e positivo offre e si può costruire nella sua isola. Per coniugare i suoi interessi umanistici con i linguaggi e l’innovazione digitale, ha collaborazione con il quotidiano online ildigitale.it.

 

Condividi questo articolo