Wine

Pinot Grigio Ramato 2017: il nostro vino della settimana

Wine

Pinot Grigio Ramato 2017. Niente da fare, mi innamoro. Innamorarsi é un emozione astratta, senza canoni prestabiliti, se non la gioia  di vivere quell’emozione. Quindi la si può provare con chiunque e con qualunque cosa. Soprattutto non è programmabile. Incontri qualcuno e inaspettatamente non pensi altro che non sia come ritrovare quello sguardo

Questa settimana vi consigliamo il VINO I bianco Malvasia delle Lipari - L’Ancestrale

Wine

È impossibile pensare di essere in un’isola e avere il mare in un bicchiere. Eppure in quel momento in cui chiudi gli occhi, è lì con te. Puoi sentire il rumore della risacca. Puoi riuscire a non vedere più dove finisce e dove comincia il cielo

Beatnik è un vino da conquistare per l’assoluta rottura degli schemi

Wine

Questo vino per me, ha un sapore di quelli che non si dimenticano, quello della scoperta. Passando tra gli scaffali, gli occhi mi caddero su questo nome: Beatnik. Ammetto di essere andata a cercare il significato e nel mentre non vedevo l’ora di aprirlo

Il vino della settimana secondo The Grand House

Wine

Descrivere di vino è sempre difficile, non tanto per la conoscenza, ma per la libertà che ognuno deve avere del proprio palato. Per questo mi piace, indipendentemente dal gusto, conoscere la storia della cantina. Ho bevuto questo champagne per il compleanno di un’amica altrettanto appassionata e  sono rimasta folgorata

Un nuovo Franciacorta: Berlucchi ’61 Nature Blanc de Blancs 2012

Wine

La Franciacorta è il simbolo dei vini spumanti di qualità in Italia. È una zona recentissima, nata soltanto nel ’56 proprio grazie all’incontro di Guido Berlucchi con il mitico enologo Franco Ziliani. Nel giro di qualche anno l’idea di fare un vino spumante simile allo Champagne diventò realtà e, dopo qualche tentativo, nel 1961 a Palazzo Lana, nasce la prima bottiglia di Franciacorta.

Grandi vini alle porte di Roma

Wine

Un orto gigante e bellissimo, un caseificio all’inizio della sua attività, i prodotti gastronomici semplici e golosissimi, le conserve, il miele, i succhi di frutta e una trattoria con la cucina a vista. Il tutto in una campagna immacolata punteggiata di alberi da frutto, di vigne geometriche e rigogliose, di tavoli per il picnic e di covoni che si stagliano sul prato prima del bosco.

I vini consigliati da Bartolotta: Tasca D'Almerita e Nerello Mascalese

Wine

 “Conoscere e capire le sfumature di un territorio non è una cosa immediata, puoi farti subito un'idea ma per i dettagli serve tempo. Il nerello mascalese e i suoli vulcanici dell’Etna interagiscono in modo magico e si manifestano in modo distintivo e riconoscibile in ogni contrada. Qui la forza degli elementi naturali e la sapienza dei contadini locali incontrano soluzioni agronomiche che si adattano a un territorio in cui ogni albero ha la sua storia, ogni terrazzamento la sua vita"

Le eccellenze del vino al Vinitaly di Verona

Wine

Con quasi 5000 espositori dislocati su 100.000 metri quadrati e visitata ogni anno per quattro giorni consecutivi da circa 130.000 visitatori provenienti da oltre 130 paesi, Vinitaly è forse l’evento del vino più importante al mondo. Ogni giorno circa 400 sono gli eventi, tra conferenze e degustazioni, alla portata di esperti, professionisti e appassionati che si avvicinano al vino per la prima volta.

Cantine d'autore: itinerari turistici alla scoperta dei luoghi cult del vino

Wine

Un viaggio tra i paesaggi enoici più belli d’Italia per cantine progettate non solo per fare grandi vini ma anche per essere integrate esteticamente nel contesto rurale in cui sorgono

I vini di Roma contro ogni razzismo enologico

Wine

Se cercate informazioni sui vini romani, rimarrete abbastanza delusi. Infatti, nonostante il Lazio sia una regione che produca molto vino, la maggior parte viene consumato in casa. Non credo che su 100 persone ce ne sia neanche una che chieda o offra un vino laziale fuori dalla regione. E anche davanti ad esempi di vini buonissimi, prevale un certo razzismo enologico per cui in molti, soprattutto i romani stessi, si sentono di poter liquidare un’intera produzione vinicola come “ cheap”

Una volta per tutte: il Chianti non è il Chianti Classico

Wine

Con la DOC conferitagli nel 1967 e poi innalzata a DOCG nel 1984, il Chianti è prodotto in una vasta zona della Toscana centrale e comprende le sottozone dei Colli Aretini, Colli Fiorentini, Colli Senesi, Colline Pisane, Montalbano, Montespertoli e Rùfina. Il Chianti Classico invece è stato una delle sottozone del Chianti fino al 1996 per poi diventare una DOCG a sé stante, a sottolineare il fatto che la sua area è quella che rappresenta la zona più antica e tradizionale per la produzione di questo vino.

67/ aprile: intimità, sostenibilità e bellezza al Summa 2019

Wine

Stanchi delle solite fiere del vino con i banchi d’assaggio sotto le luci al neon negli androni di albergo o nei padiglioni fieristici? Siete innamorati del grande vino di qualità ma anche indefessi guerrieri della sostenibilità e dell’agricoltura biologica e biodinamica? Allora vedete di non perdervi Summa 2019.

Le eccellenze italiane

Wine

A come Amarone della Valpolicella. Cominciamo con una rassegna dei vini d’Italia più famosi nel mondo. Nonostante sia da molti considerato, con il suo alcol tra i 15% e i 16,5%, troppo carico e corposo, il vino di Giulietta e Romeo - le prime vigne si trovano a due passi dal cuore di Verona - negli ultimi anni sta ritrovando accanto alla sua potenza e alla sua ampiezza anche tanta eleganza e bevibilità.

Maremma che vini!

Wine

Immaginate il parco naturale dell’Argentario che si tuffa nel blu di un mare ancora incontaminato o se preferite partite dall’Isola del Giglio. Proiettatevi in mezzo alla campagna toscana, tra praterie sconfinate che verso nord-est lasciano il posto alle colline punteggiate dai pini centenari e da qualche viale di cipressi, per poi lasciare spazio a oliveti antichissimi e vigne che si distendono come in una geometria divina.

Partendo dall'Etna

Wine

Partendo dall’Etna, dalle viti di Carricante e Nerello Mascalese, coltivate su un vulcano attivo in una delle più belle isole del mondo che nonostante sia praticamente in Africa riesce a produrre vini di montagna fino ad arrivare alle viti più alte d’Europa.