Eugenia Romanelli
2 minuti

Botaniko: il primo spice bar di Roma

Botaniko, il primo spices bar d’Italia, per l’estate si trasferisce sulla storica Terrazza San Pancrazio dell’Hotel Parrasio, nel cuore di Trastevere a due passi dal Gianicolo. Un angolo della città eterna dove respirare qualche alito di vento, cenare o spizzicare buon cibo, ascoltare musica dal vivo, ma soprattutto sorseggiare drink e cocktail a base di spezie e fiori.

Stiamo parlando di un vero e proprio “giardino dove fioriscono cocktails speziati”: Botaniko infatti è specializzato in ricette di drink uniche nel loro genere, tanto che le miscele di ingredienti naturali dai gusti forti e ricercati è ormai un must della Città Eterna.

Tra l’altro, la sede di Botaniko – è da sottolineare – si trova all’interno della storica Planet One, la scuola per barman e bartender con venticinque anni di esperienza, vero e proprio sigillo di garanzia per la qualità dei cocktail.

Attraversato l’antico portone si entra in un mondo “botaniko” traboccante di colori verdi e sentori profumati che ricordano terre lontane, viaggi, nostalgie, letture di un tempo e atmosfere esotiche. Un soffitto completamente ricoperto di piante e un albero di ciliegio nel bar bastano per trasportarci in un luogo “altro”, un giardino segreto dove l’alchimia fa da padrona dando vit, chissà, ad veri e propri elisir magici.

Tutta questa sensualità del naso è esaltata dal palato, dato che gli abbinamenti non mancano: i cocktail, infatti, sono sempre accompagnati da un food coordinato per un’esperienza multisensoriale da farfalle allo stomaco. Non manca la carta “su misura”, con cui poter ordinare il proprio percorso olfattivo-gustativo: sulla pergamena di Botaniko si scriveranno i propri gusti in modo da permettere a bancone e cucina di creare un “viaggio emozionale” tra naso e palato con gli abbinamenti perfetti.

Avvolgente ed accogliente è lo spazio entro cui si sviluppa Botaniko: colori della terra dalle pareti ai materiali utilizzati per l’arredamento. Quest’ultimo semplice ed essenziale rievoca senza alcun dubbio un’atmosfera calda e ed estiva tipica delle aree tropicali. Un design d’interno attraente e saggiamente studiato per rendere nei minimi particolari l’idea che Botaniko stesso ha insito nel suo nome. La natura è presente in tutta la sua bellezza: un tronco d’albero si ramifica dietro il bancone, è il cuore del locale da cui fiorisce il cocktail speziato “come lo vuoi tu”. Una sinfonia di odori e sapori, non solo dei drink, ma anche del cibo, avvolge i clienti sin da subito.

Via Enrico Toti, 5
Telefono: +39 3480458114
Web: www.botanikoroma.it

Pagina Facebook:  https://www.facebook.com/botanikoroma/

 

Eugenia Romanelli

Segno zodiacale Pesci, vino preferito Ronco delle Mele, vive a Roma. Irriverente, eccentrica, informale, si ispira al maître à penser Anais Nin. Buddista Nichiren, la sua gioia è l’allenamento costante nell’arte di vivere, e la sua palestra privata sono la sua famiglia e le relazioni multiple e complesse che accendono le sue giornate. Dopo aver diretto la versione italiana della rivista internazionale Time Out, fondato e diretto il magazine Bazarweb.info coedito da Rai Eri e La Stampa, fondato e diretto il primo inserto culturale de Il Fatto Quotidiano "SmarTime", creato il canale Ansa Viaggi, attualmente scrive per Vanity Fair, è blogger per L'Espresso e Il Fatto Quotidiano, ed è autore Treccani. Tra le docenze, a Roma ha insegnato giornalismo, scrittura creativa e new media a La Sapienza, all’Accademia d'Arte Dramatica Silvio D'Amico e alla Luiss Guido carli, fondando il Master in “Nuovi giornalismi e blogging” al Centro Sperimentale di Fotografia Ansel Adams; a Firenze ha insegnato business writing alla Scuola di Scienze Aziendali di Firenze e all'Università di Firenze ha direttore del laboratorio “Advanced Communication” (progetto Nemech); per l’Ordine dei Giornalisti organizza corsi di aggiornalemnto sul tema della privacy. Come Amministratore Unico dell'agenzia di comunicazione ACT!, premiata nel 2005 dalla Regione Lazio come "Migliore impresa creativa", ha vinto il premio DONNAèWEB del Premio Web Italia patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per l'innovazione e le tecnologie per aver creato il miglior sito dell'anno, per l’ideazione del primo Cultural Brand italiano e per avere fondato la prima galleria d'arte contemporanea digitale italiana. Tra le sue pubblicazioni, saggi e romanzi con Giunti, Rizzoli, DeA, Rai Eri, etc. Nel team TGH è entrata grazie alla passione per i viaggi: anche per lei viaggiare è la forma più profonda di conoscenza della vita e la via più diretta al contatto autentico con le proprie emozioni. Creatrice del TGH Pink Shot, il suo obiettivo segreto è alzare la temperatura emotiva di tutto il progetto.

 

Condividi questo articolo