Gisella Fuochi

Blogger

Sono Gisella Fuochi e andando verso i miei tempi supplementari ho deciso di dare forma alla mia passione aprendo una piccola enoteca, il “ConVinci”, che attraverso i suoi vini parla del territorio dove vivo, ebbene sì, a Vinci. Ma prima di arrivare fino a qui ho studiato e lavorato come perito turistico e come agente di vendita, fino al ruolo di buyer per grandi aziende e a firmare la creazione del marchio “Man al Work” (M@W). Ho girato l’Oriente per molto tempo, quando ancora l’unica degustazione che si poteva fare era di the. Niente però mi ha mai distolto dal mio percorso fatto di bicchieri e racconti, e, dopo la pubblicazione del romanzo “Posso tornare sempre” (Medea edizioni) dove il vino ha un ruolo determinante, ho cominciato un lungo pellegrinaggio per le più importanti vigne italiane, fino ad aprire la mia enoteca, recensita dalla rivista “Dove” e frequentata da scrittori, artisti e intellettuali, tra cui il cantautore Piero Pelù, e dal quinto enologo del mondo, unico italiano, Alberto Antonini. Il mio ritratto che vedete è uno scatto di Oliviero Toscani.

Articoli dell'autore

Schiacchetrá Cinque Terre Buranco D.O.C. 2010 di Monterosso: lo straordinario vino passito consigliato da TGH

Wine

Ci sono dei supereroi che non hanno il costume rosso, la mascherina sugli occhi, oppure quella forza incredibile per fermare massi che rotolano giù dalle montagne. Eppure lo sono per diritto acquisito sulla vigna che coltivano. Sono i vignaioli delle Cinque Terre, quelli che praticano la viticoltura eroica

Negroamaro Teresa Manara: le radici di un amore. Il vino TGH della settimana

Wine

Mi chiamo Teresa Manara e vorrei raccontarvi di uno dei miei vini: il Negroamaro. Ma prima vi devo spiegare come ho fatto, io che sono nata ad Imola, nella Romagna, a mettere le radici nel Salento

Un lungo filo di vino

Wine

Il filo non è solo una parola ma un contenitore di filosofia. Il sottile filo dell’equilibrio per esempio, oppure il filo conduttore delle scelte, oppure ancora un tracciato immaginario che lega indissolubilmente le persone o le cose. Matto di Filodivino, un Verdicchio dei Castelli di Jesi classico biologico, è un po’ di tutto questo e anche oltre. Cinque uomini che hanno unito il loro destino, facendosi legare da un sogno per poi dipanarlo in una realtà che continua a stupirli.

Piacere, sono il Timorasso!

Wine

È stata una giornata intensa, piena d’impegni e parole. Finalmente casa. Sono di fronte a quel parallelepipedo che per qualcuno è un ‘servitore di sostegno’ per affrontare le durezze quotidiane, mentre per me, è un contenitore di gioie, spesso alcoliche, mantenute pronte per essere mie. Le vedo tutte lì, pronte. Se potessero, comincerebbero a girare su stesse per farsi notare ancora di più. Decisa, scelgo. Allungo la mano. Mio. Derthona 2016 DOC, produttore Claudio Mariotto vignaiolo in Vho.

Il vino della settimana TGH è biologico: Vermentino 2016

Wine

Spesso mi perdo in un mondo personale ricco di similitudini o d’immagini, trascinata dal vino o e dalla storia che lo accompagna. Questa volta vorrei essere più concreta e diretta. Oggi vi racconto di un vino bianco toscano: Vermentino 2016 azienda Poggiotondo di Cerreto Guidi in provincia Firenze

Ferrandes - Passito di Pantelleria: non lasciate l'Italia senza averlo assaggiato

Wine

Andare a Pantelleria é un regalo da custodire. Il mare e i colori che ti circondano, sono una cartolina da spedire tutti i giorni al nostro umore. Non sarebbe mai cattivo. Il passito di quest’isola é il regalo nel regalo, anzi la sublimazione del viaggio

Il vino non è una formula matematica

Wine

“Bevi la schiuma che diventi furba!”. Questa era l’incitazione che mi facevano i parenti quando ero piccola, davanti ad un goccio di Lambrusco. Ora se lo sia diventata o meno, non lo so. Però quel momento, era unico. Quelle due dita di un colore rosa che si dissolvevano davanti ai miei occhi, erano una delle occasioni che aspettavo di più. Sono certa che nella memoria di altri, esiste lo stesso ricordo, perché quel vino è da sempre, prevalentemente per le famiglie emiliane, l’emblema della condivisione, dell’allegria

Il vino della settimana è Sudisfà!

Wine

“Sudisfá”. Esattamente questa é la percezione che mi avvolge mentre bevo questo vino. Ci trovo tutto quello che le colline piemontesi raccontano di se, grazie a questa famiglia che le coccola da oltre 3 secoli

Pinot Grigio Ramato 2017: il nostro vino della settimana

Wine

Pinot Grigio Ramato 2017. Niente da fare, mi innamoro. Innamorarsi é un emozione astratta, senza canoni prestabiliti, se non la gioia  di vivere quell’emozione. Quindi la si può provare con chiunque e con qualunque cosa. Soprattutto non è programmabile. Incontri qualcuno e inaspettatamente non pensi altro che non sia come ritrovare quello sguardo

Questa settimana vi consigliamo il VINO I bianco Malvasia delle Lipari - L’Ancestrale

Wine

È impossibile pensare di essere in un’isola e avere il mare in un bicchiere. Eppure in quel momento in cui chiudi gli occhi, è lì con te. Puoi sentire il rumore della risacca. Puoi riuscire a non vedere più dove finisce e dove comincia il cielo

Beatnik è un vino da conquistare per l’assoluta rottura degli schemi

Wine

Questo vino per me, ha un sapore di quelli che non si dimenticano, quello della scoperta. Passando tra gli scaffali, gli occhi mi caddero su questo nome: Beatnik. Ammetto di essere andata a cercare il significato e nel mentre non vedevo l’ora di aprirlo

Il vino della settimana secondo The Grand House

Wine

Descrivere di vino è sempre difficile, non tanto per la conoscenza, ma per la libertà che ognuno deve avere del proprio palato. Per questo mi piace, indipendentemente dal gusto, conoscere la storia della cantina. Ho bevuto questo champagne per il compleanno di un’amica altrettanto appassionata e  sono rimasta folgorata