Eugenia Romanelli
1 minuto

Apre a Roma un nuovo polo museale nella dimora della madre di Napoleone

Il 6 ottobre 2019 apre al pubblico Palazzo Bonaparte, in piazza Venezia: un nuovo polo museale in una location unica, in quella che fu la dimora della madre di Napoleone Bonaparte.

A inaugurare questo straordinario nuovo scenario della capitale, un’esposizione unica: i quadri mai visti dei maestri dell’Impressionismo. La mostra, speciale e inedita, si intitola “Impressionisti segreti”, ed è organizzata dal gruppo Arthemisia. Dal 6 ottobre 2019 all’8 marzo 2020, si potranno ammirare per la prima volta al pubblico 50 opere dalle più importanti collezioni private del mondo, normalmente inaccessibili: Monet, Renoir, Cézanne, Pissarro, Sisley, Caillebotte, Morisot, Gonzalès, Gauguin, Signac, Van Rysselberghe e Cross.

L’esposizione si snoderà nelle sale del piano nobile dove visse Maria Letizia Ramolino, madre di Napoleone Bonaparte: un appartamento composto da 9 sale riccamente decorate, da mozzare il fiato. Non male, in effetti, anche l’esperienza sconcertante di mettere il naso dentro Palazzo Bonaparte di Roma, affacciato su Piazza Venezia ad angolo con via del Corso.

Centralissimo, storico, sontuoso, è un logo che ha decisamente tanto da raccontare: “Progettato a metà del ‘600 – spiegano i curatori della mostra – unisce nella sua facciata linee barocche e rinascimentali, ed è caratterizzato dal famoso balconcino a loggia dal quale Letizia Bonaparte guardava la piazza, riparata dalle persiane”.

Acquistato dai Bonaparte nel 1818, il cuore di questo spettacolare palazzo custodisce anche sculture del Canova, affreschi e decori dalla grande ricchezza, stucchi, camini di gusto neoclassico.

“Questa sarà solo la prima di tante esposizioni importanti che ospiterà Palazzo Bonaparte – aggiunge il team di Arthemiasia – primo spazio Generali Valore Cultura. Vi avranno luogo anche laboratori didattici per bambini, eventi culturali o eventi privati speciali, per i quali l’eleganza degli spazi si presta particolarmente”.

Info: https://www.arthemisia.it/it/apre-palazzo-bonaparte/

 

Eugenia Romanelli

Segno zodiacale Pesci, vino preferito Ronco delle Mele, vive a Roma. Irriverente, eccentrica, informale, si ispira al maître à penser Anais Nin. Buddista Nichiren, la sua gioia è l’allenamento costante nell’arte di vivere, e la sua palestra privata sono la sua famiglia e le relazioni multiple e complesse che accendono le sue giornate. Dopo aver diretto la versione italiana della rivista internazionale Time Out, fondato e diretto il magazine Bazarweb.info coedito da Rai Eri e La Stampa, fondato e diretto il primo inserto culturale de Il Fatto Quotidiano "SmarTime", creato il canale Ansa Viaggi, attualmente scrive per Vanity Fair, è blogger per L'Espresso e Il Fatto Quotidiano, ed è autore Treccani. Tra le docenze, a Roma ha insegnato giornalismo, scrittura creativa e new media a La Sapienza, all’Accademia d'Arte Dramatica Silvio D'Amico e alla Luiss Guido carli, fondando il Master in “Nuovi giornalismi e blogging” al Centro Sperimentale di Fotografia Ansel Adams; a Firenze ha insegnato business writing alla Scuola di Scienze Aziendali di Firenze e all'Università di Firenze ha direttore del laboratorio “Advanced Communication” (progetto Nemech); per l’Ordine dei Giornalisti organizza corsi di aggiornalemnto sul tema della privacy. Come Amministratore Unico dell'agenzia di comunicazione ACT!, premiata nel 2005 dalla Regione Lazio come "Migliore impresa creativa", ha vinto il premio DONNAèWEB del Premio Web Italia patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per l'innovazione e le tecnologie per aver creato il miglior sito dell'anno, per l’ideazione del primo Cultural Brand italiano e per avere fondato la prima galleria d'arte contemporanea digitale italiana. Tra le sue pubblicazioni, saggi e romanzi con Giunti, Rizzoli, DeA, Rai Eri, etc. Nel team TGH è entrata grazie alla passione per i viaggi: anche per lei viaggiare è la forma più profonda di conoscenza della vita e la via più diretta al contatto autentico con le proprie emozioni. Creatrice del TGH Pink Shot, il suo obiettivo segreto è alzare la temperatura emotiva di tutto il progetto.

 

Condividi questo articolo