Eugenia Romanelli
2 minutes

Street Food in Rome: third edition and 30 chefs in the streets

Street food has now become, in many parts of the planet, a true cult for connoisseurs and enthusiasts. This is why all eyes are focused on the third edition of the 2019 Street Food International Festival, in Rome from March 15th to 17th (Piazzale della Radio) and from March 22nd to 24th (Piazza San Giovanni Bosco). Organized by a young entrepreneur from Turin with a fixation on making quality cuisine popular, Alfredo Orfino, the event has the mission to bring to squares and streets Italian and international flavors cooked by thirty chefs in mobile kitchens, or on wheels.

A new way of eating, a new sensory experience, a new way of understanding taste. The paradigm changes the imaginary, the format changes everything. And here the Italian regions will propose their local delicacies, from the seadas and culurgiones of Ogliastra, the classic nuorese bun with pecorino cream and Sardinian sausage, to the Roman artichoke, from the Alberobello bombetta, to the red sausage and the red burger of Castelpoto in the Benevento area, up to the Piedmontese hamburger with Fassona meat, toma cheese, caramelized pancetta (bacon) and green sauce, or to Bubble tea, served both hot and cold, with fruit-flavored balls.

There is even a glimpse of the world, with trucks loaded with Australian and Balkan menus, just to give some examples. “In Italy, water, flour, oil and tomatoes create many specialties like maccheroni and pizza, symbols of Italian cuisine, born just like street food in New York with Hot Dog carts, in Istanbul with Kebab kiosks or the creperies on the boulevards of Paris, all symbolic places of Street Food. We want to introduce a new type of restaurant, a mobile restaurant, created only and exclusively with foods that aim at quality without neglecting good drinking, hospitality and the aggregation of cultures”, explains Orofino, proud of the two hundred thousand people who took part in the 2018 edition.

And that’s not all: street performers will also be performing in Piazzale della Radio, while in Piazza Don Bosco the great Silent Party will be on, in which three DJs will entertain guests equipped with headphones with three different genres, thus avoiding noise pollution.

Congratulations to International Street Food Italia, to MAS (Arts and Entertainment Events Association) and to Silent Party for producing a unique event in Rome capable of enhancing music, food and the majestic beauty of the city.

 

Eugenia Romanelli

Segno zodiacale Pesci, vino preferito Ronco delle Mele, vive a Roma. Irriverente, eccentrica, informale, si ispira al maître à penser Anais Nin. Buddista Nichiren, la sua gioia è l’allenamento costante nell’arte di vivere, e la sua palestra privata sono la sua famiglia e le relazioni multiple e complesse che accendono le sue giornate. Dopo aver diretto la versione italiana della rivista internazionale Time Out, fondato e diretto il magazine Bazarweb.info coedito da Rai Eri e La Stampa, fondato e diretto il primo inserto culturale de Il Fatto Quotidiano "SmarTime", creato il canale Ansa Viaggi, attualmente scrive per Vanity Fair, è blogger per L'Espresso e Il Fatto Quotidiano, ed è autore Treccani. Tra le docenze, a Roma ha insegnato giornalismo, scrittura creativa e new media a La Sapienza, all’Accademia d'Arte Dramatica Silvio D'Amico e alla Luiss Guido carli, fondando il Master in “Nuovi giornalismi e blogging” al Centro Sperimentale di Fotografia Ansel Adams; a Firenze ha insegnato business writing alla Scuola di Scienze Aziendali di Firenze e all'Università di Firenze ha direttore del laboratorio “Advanced Communication” (progetto Nemech); per l’Ordine dei Giornalisti organizza corsi di aggiornalemnto sul tema della privacy. Come Amministratore Unico dell'agenzia di comunicazione ACT!, premiata nel 2005 dalla Regione Lazio come "Migliore impresa creativa", ha vinto il premio DONNAèWEB del Premio Web Italia patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per l'innovazione e le tecnologie per aver creato il miglior sito dell'anno, per l’ideazione del primo Cultural Brand italiano e per avere fondato la prima galleria d'arte contemporanea digitale italiana. Tra le sue pubblicazioni, saggi e romanzi con Giunti, Rizzoli, DeA, Rai Eri, etc. Nel team TGH è entrata grazie alla passione per i viaggi: anche per lei viaggiare è la forma più profonda di conoscenza della vita e la via più diretta al contatto autentico con le proprie emozioni. Creatrice del TGH Pink Shot, il suo obiettivo segreto è alzare la temperatura emotiva di tutto il progetto.

 

Share this article