Eugenia Romanelli
2 minutes

At the Lanificio comes the oriental pop up corner of chef Matsumoto

We’re talking about one of the most original restaurants in Rome. Suffice it to say that as soon as you enter, your eyes will land on an extraordinary ancient bathtub, with an old-fashioned mirror, an antique dentist’s chair, early twentieth-century bicycles hanging from the ceiling and old 50s pop bar signs. The environment is decidedly vintage and well-kept in terms of design and architectural choices. The mezzanine floor with wooden plank floorboards and four or five small tables that overlook the large bright windows with a view of the river Aniene, ends at the relaxation corner, where if you want an informal dinner you can also eat, sitting on armchairs, sofas and grandmother’s drawers. 

In short, if you are romantic and in addition to the sturm und drang you love the délabré décor, that imperfect and shabby style, you are in the right place. Not to mention the neighborhood: via Pietralata is a corner of suburban ripped from degradation that in a few years has become a reference point for the young radical-chic crowds of the city, artists and intellectuals in the first place. In addition to the Lanificio Kitchen, the three floors of the building, renovated to become an irresistible destination for lovers of beauty, host dance classes, DJ sets, and vintage markets with a Londonesque flavor.

And here, from the end of February, after ten years of infallible format, the modern tavern, already rich in reinterpretations, innovative gastronomic itineraries and experiments, is still one step ahead: the pop-up corner dedicated to oriental cuisine and managed by Rogerio Matsumoto, a chef from San Paolo in Brazil with Japanese origins who in the last 13 years has brought his style and flare to Italy, in several well-known Sushi and Fusion restaurants.

Matsumoto and his art will coexist with the resident chef Leonardo Orchi, careful not to forget traditional Italian cuisine, but will provoke guests with some irresistible fusion dishes like Bao with fried artichokes, crème fraîche and carrot, or with sliced ​​bacon, fermented apple, Japanese mayonnaise and sansho, or with marinated and fried squid, togarashi, basil and Japanese lemon mayonnaise. The Japanese sautéed rice cake, furikake, shrimps and dried peppers and poached egg yolk are not bad either.

Seeing is believing: book here.

 

Eugenia Romanelli

Segno zodiacale Pesci, vino preferito Ronco delle Mele, vive a Roma. Irriverente, eccentrica, informale, si ispira al maître à penser Anais Nin. Buddista Nichiren, la sua gioia è l’allenamento costante nell’arte di vivere, e la sua palestra privata sono la sua famiglia e le relazioni multiple e complesse che accendono le sue giornate. Dopo aver diretto la versione italiana della rivista internazionale Time Out, fondato e diretto il magazine Bazarweb.info coedito da Rai Eri e La Stampa, fondato e diretto il primo inserto culturale de Il Fatto Quotidiano "SmarTime", creato il canale Ansa Viaggi, attualmente scrive per Vanity Fair, è blogger per L'Espresso e Il Fatto Quotidiano, ed è autore Treccani. Tra le docenze, a Roma ha insegnato giornalismo, scrittura creativa e new media a La Sapienza, all’Accademia d'Arte Dramatica Silvio D'Amico e alla Luiss Guido carli, fondando il Master in “Nuovi giornalismi e blogging” al Centro Sperimentale di Fotografia Ansel Adams; a Firenze ha insegnato business writing alla Scuola di Scienze Aziendali di Firenze e all'Università di Firenze ha direttore del laboratorio “Advanced Communication” (progetto Nemech); per l’Ordine dei Giornalisti organizza corsi di aggiornalemnto sul tema della privacy. Come Amministratore Unico dell'agenzia di comunicazione ACT!, premiata nel 2005 dalla Regione Lazio come "Migliore impresa creativa", ha vinto il premio DONNAèWEB del Premio Web Italia patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per l'innovazione e le tecnologie per aver creato il miglior sito dell'anno, per l’ideazione del primo Cultural Brand italiano e per avere fondato la prima galleria d'arte contemporanea digitale italiana. Tra le sue pubblicazioni, saggi e romanzi con Giunti, Rizzoli, DeA, Rai Eri, etc. Nel team TGH è entrata grazie alla passione per i viaggi: anche per lei viaggiare è la forma più profonda di conoscenza della vita e la via più diretta al contatto autentico con le proprie emozioni. Creatrice del TGH Pink Shot, il suo obiettivo segreto è alzare la temperatura emotiva di tutto il progetto.

 

Share this article